What is this? From this page you can use the Social Web links to save Neroogle, la difesa smontata to a social bookmarking site, or the E-mail form to send a link via e-mail.

Social Web

E-mail

E-mail It
agosto 22, 2007

Neroogle, la difesa smontata

Posted in: Informatica, Scienza, Web

Stanotte è arrivato un commento da parte di Alex, gestore di Neroogle (ora anche Nerooogle), sui miei post Novità sull’affare Neroogle (e sugli altri siti che lucrano sul finto risparmio energetico) e Attivissimo: “Schermate scure per risparmiare energia?: probabilmente sta facendo il giro della rete per dare più risonanza alla sua difesa. Eccolo qui:

Viste le numerose richieste di precisazione che la nostra iniziativa ha sollevato, cerchiamo di estendere le risposte per eliminare ogni perplessità a proposito del progetto NEROOOGLE.

http://www.nerooogle.com/faq.php

Ovviamente, al tempo stesso ringraziamo i nostri altrettanto numerosi sostenitori, che ci hanno supportato fin dal primo momento, credendo come noi, che non sarà una piccola iniziativa locale a salvare il mondo, ma che da qualche parte bisogna pur cominciare.

Lo staff di NEROOOGLE

Insomma il preambolo di una difesa a tutti gli effetti. Ovviamente sono andato a leggere le faq ma le ho trovate estremamente insoddisfacenti.

Ad esempio, ad un certo punto, troviamo una “libera traduzione” di un post di un blogger di lingua inglese che lo staff di Nerooogle considera “un autorevole blogger indipendente“. Strano. Il suo blog, parla solo ed esclusivamente di risparmi energetico, quindi, o è un espertissimo oppure un fanatico. Vediamo cosa dice un brano la traduzione libera:

Per divertimento, ho calcolato quanti soldi risparmierei io stesso con 15 Watt in meno per 6 ore al giorno. Al costo di 12 centesimi per KWH, metterei via quasi 5 dollari. Ok, non sono abbastanza per comprarsi una Ferrari ma, hey, alla fine della giornata, dove volete che siano i vostri soldi risparmiati? Nella vostra tasca o in quella di una multinazionale dell’energia?

mentre nella versione orginale

Just for fun I calculated how much money I would save if I saved 15 Watts for 6 hours every day. Turns out that @ 12 cents KWH rate, I would be saving around $4.85 per year. OK, you cannot buy Lexus with this saving. But hey, at the end of the day, where would you rather put extra 5$? In Your pocket or in your utility provider’s pocket?

Lo staff di Neroogle si è dimenticato di scrivere 5 dollari all’anno, facendo credere che questi soldi sia risparmiati “alla fine della giornata”. Forse è solo un errore di distrazione. Ma sono davvero 5 dollari all’anno? No, sono 3,94 $. Io non mi fido delle conclusioni di chi vuol parlare di energia ma sbaglia un semplice calcolo come questo:

15 * 6 * 365 /1000 * 0,12 $ = 3,94 $

Insomma, non essendo l’autorevole blogger indipendente un espertissimo, direi che forse la seconda ipotesi è più probabile. Mi sbaglio? Allora ammettiamo che sia tutto vero, anche che la mia calcolatrice abbia fatto cilecca. Ma i dati iniziali siano veritieri?
E chi sta 6 ore al giorno su Google? A tutto schermo? Insomma quanto l’uso di Neroogle contribuisce a salvare il mondo? Poco, pochissimo, anzi ancor meno.

Le statistiche sui consumi dei monitor vengono prese dallo staff di Neroogle da un articolo che non linkano, allora lo linko io: Energy Use and Power Levels in New Monitors and Personal Computers , pagina 19. Come lo stesso staff di Neroogle ammette, solo nel caso dei monitor CRT (tubo catodico) si ha una differenza fra sfondo bianco e sfondo nero. E dice anche che “Secondo stime recenti il 70/75% del totale dei monitor sulla terra è ormai LCD. La media è mondiale, ma negli Stati Uniti sono di più e in altri paesi addirittura meno della metà.”

Ma allora perché prende per buona l’affermazione dell’esperto ed autorevole blogger indipendente quando scrive:

“Gki Stati Uniti hanno una media di 574 personal computer per mille abitanti, tra le più alte del mondo. Tranne poche eccezioni, ad ogni computer dovrebbe corrispondere ad un monitor. Allora per 292 milioni di abitanti, fa 177 milioni di monitor.

Seguendo uno o due di questi consigli sopra potreste abbassare il consumo medio del vostro monitor di circa 20Watt. Se 177 millioni di persone risparmiassero 15W per monitor, potremmo accumulare la gigantesca somma di 3500 Mega Watts, o 3.5 GigaWatts.”

Innanzitutto perché ora i Watt, da 15, sono saliti a 20? Colpa dell’entusiasmo? Ad ogni modo, secondo le statistiche riguardo la diffusione dei monitor LCD riportate (anche se non linkate) dallo stesso staff di Neroogle, i GigaWatts sono almeno la metà per gli Stati Uniti, quindi massimo 1750.

Come scrisse già Attivissimo: “La proposta di Neroogle farebbe (ipoteticamente) risparmiare 3000 MW/h in un anno [nel mondo], ossia circa un centomillesimo del fabbisogno. Nel migliore dei casi.” Un centomillesimo? Un po’ pochino soprattutto per il fatto che, come abbiamo visto, i numeri sono tutti un po’ gonfiati. Il paragrafo successivo è frutto di mia una svista: non tenetene conto, grazie [Anche i prezzi. L'ENEL in Italia (non un paese dove l'energia costi poco, insomma) fa pagare solo 2,3 centesimi di euro al kWh e non 12 centesimi di dollaro (0,09 €) come dice il blogger indipendente, quindi le cifre del risparmio vanno ulteriormente ridotte.]

Direi basta così per oggi. Per quanto mi riguarda Neroogle ha fatto un’altra figuraccia, tentando di difendere i propri banner Google a colpi di moltiplicazioni errate e citazioni controproducenti. Banner stessi giustificati dicendo che c’è pubblicità anche sull’autobus: peccato che l’autobus aiuti veramente a ridurre l’inquinamento e lo spreco di energia generato dalle automobili private. Neroogle no.


Return to: Neroogle, la difesa smontata